down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




L'ISOLA SACRA

L'isola Sacra di Augusto Mulas - DI Antonello Gregorini
^
Qualche giorno fa ho acquistato il libro di Augusto Mulas, socio fondatore di Nurnet, archeologo nuragico.
In esso viene proposto un modello della civiltà nuragica ben diverso dal paradigma sin qui vincente che vede i nuraghi come edifici realizzati da un popolo bellicoso, costituito da molteplici clan sempre in guerra fra di loro.
Nel libro non vi è nessun volo pindarico ma continui richiami alle stratigrafie rinvenute nei più importanti edifici nuragici. Più leggo i dati, le argomentazioni che Augusto elenca, e più mi convinco che i nuraghi dovessero essere luoghi prevalentemente dedicati al culto.
Quale? Non lo sappiamo e forse non lo sapremo mai. Tuttavia se vi fosse  continuità nelle credenze dei millenni forse dovremmo indirizzare le nostre attenzioni verso una sorta di trinità. La stessa rappresentata sulle steli delle Domus de Janas e nelle tre nicchie interne alle torri principali.

Bisogna avere il coraggio di aprirsi alle nuove idee degli archeologi più coraggiosi e libertari.
Se la Sardegna fosse stata una sorta di ISOLA SACRA, come sostiene Augusto Mulas, tutta la nostra visione dell'Isola e sull'Isola si modificherebbe naturalmente.
Forse diventeremo tutti più buoni e gli europei eleggerebbero i nostri paesaggi a luoghi del buon ritiro.
Tutto sarebbe meglio curato perché ciò che più vale più si cura.

Nei prossimi giorni su Nurnet approfondiremo le tesi di Augusto ...

http://www.condaghes.com/scheda.asp?id=978-88-7356-188-0&ver=sa 

 

 

 

Inserisci un commento su Facebook