down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




IL SOGNO DI NURNET. 3° Andrea Mulas. Un patriota sardo

di Antonello Gregorini

Conosco persone che riderebbero delle gesta di Andrea Mulas, io invece mi emoziono nel sentire il coraggio e la passione che lo animano. Provo un immediato senso di empatia e penso: "Pitticcu su maccu", in quel modo tipico che mostra una simpatica ammirazione per chi sa vivere le proprie passioni a testa alta senza timore del parere altrui.

Il maratoneta sardo che porta in giro per il mondo un'immagine di Sardegna che non è certamente quella della Costa Smeralda.

Dalle foto che lui stesso pubblica sul suo profilo facebbok https://www.facebook.com/andrea.mulas.5  si legge il film delle sue avventure.

Senza griffe di Adidas; Nike o abbigliamento tecnico di maggior comodità, Andrea corre le più importanti maratone del mondo con indosso il costume tradizionale del sue paese. Patriota e personaggio da libro cuore espone lo stendardo dei giganti di Monte Prama sotto il traguardo, come un fidanzato che davanti alle telecamere dice: "Silvia ti amo!", o un figlio che saluta la mamma ricordando il suo enorme affetto per lei davanti a milioni di persone.

Andrea legge Nurnet e quindi gli abbiamo quindi chiesto di esprimere un parere sul nostro lavoro.

<<Ciao Antonello, ecco il mio pensiero. Nurnet attraverso i social network sta risvegliando e diffondendo l'identità del popolo sardo. Identità e lingua che purtroppo si stanno perdendo. Attraverso la corsa dal 2007, grazie al contributo di tantissimi giovani artisti ma senza il sostegno di alcuna istituzione, con grande fatica porto la cultura sarda nel mondo. Nurnet e Messagexxx sono la "moderna Agorà" in cui lo scambio costruttivo é continuo e vivo. Non fermiamoci!>>

Cos'è Messagexxx, Andrea?

<<É il mio movimento artistico: un ponte di scambio verso il mondo contemporaneo con l'adesione e il contributo di tantissimi giovani e non..."

"Risvegliando e diffondendo l'identità del popolo sardo". Questo è uno degli aspetti latenti ma potenti del nostro progetto NURNET. La scoperta di una grande storia dimenticata e calpestata di cui però è rimasta traccia nell'immenso patrimonio archeologico. Non è solo identità ma è anche economia. Materia prima e risorsa immateriale, non inquinante: la cui estrazione non causa cambiamenti climatici, impoverimento del territorio e devastazione del paesaggio.

Ha ragione Andrea, "non fermiamoci", non fermateci ma anzi se ci vedete arrancare in salita e contro vento uscite dal pubblico e dateci una spinta. Sostenete Andrea, sostenete Nurnet!

 

 

Inserisci un commento nel sito



 

Inserisci un commento su Facebook