down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




Chena banderas, Sardos ebbia

CHENA BANDERAS, SARDOS EBBIA
di Martine Faedda
Cussu chi sutzedet oe in Monte e' Prama non est cosa chi si podet lassare colare gasi. Est unu sinnale mannu deaberu pro nessi una pariga de chistiones e immoe proamus a ddu ispiegare.
S'ischit chi una rivolutzione chena pòpulu est una rivolutzione a meidade. Su cambiamentu declaradu dae s'artu pagas bias at produidu risultados beros, nessi in su pòpulu, chi a s'ispissu mancu si nd'abbìgiat. Difatis nde semus prenos de libros, artìculos de giornales o leturas de àteros media, in ue agatamus consìgios de cussu o de cudd'ateru espertu, chi nos bolent narrere ite depent faghere is sardos pro megiorare sa vida e sa terra issoro.
Is prus abbistos leghent, cumprendent e s'inchietant. Ma is àteros, chi tenent milli problemas o àteru in conca, abarrant indiferentes. Da poi bi sunt is partidos polìticos, chi tenent semper sa solutzione pro totus chi però ant pèrdidu, dae meda, valore, nessi su tantu chi serbit pro faghere movere gente bastante. In Sardigna, poi, b'amus is partidos indipendentistas chi, fortes (o dèbiles) de unu caràtere ideològicu, non resessent a acurtziare una cantidade prus manna de eletores o simpatizantes. Custu pro narrere ite? Chi mancat dae meda, in Sardigna, unu movimentu populare beru, forte, chena ligàmenes cun partidos o àteru chi, movende dae bassu, ispinghet su sentidu populare e si nde faghet boghe.
In Monte e' Prama est sutzessu chi una pariga de sardos, sceti pro amore de sa terra issoro, si sunt postos a faghere guardiania a is Gigantes e custa cosa, una die in fatu a s'àtera, gràtzias a is informatziones isparghinadas dae Nurnet, at fatu essire a campu totu su sentidu populare sardu de calesisiat logu, classe, apartenèntzia polìtica o bidea.
Pensade•bi. Si castiade sa pàgina Facebook nostra e is post de custas ùrtimas dies, no ais a bidere peruna bandera, sìmbulos o àteru. Mancu cussa de Nurnet. Sceti òmines e feminas sardos acanta a su fogu, in paghe e armonia, a defensa de su logu, batijadu a sìmbulu de sa renaschida sarda.
E custu pòpulu ddu agatamus nou, preparadu e si bidet cuntentu, cun passione manna, allegru ma determinadu. E non bolet chistionare de indipendèntzia polìtica (o non sceti) ma de cussa culturale ca est dae in cue chi tocat de movere.
Nos torrat a conca su meledu de Giuanne Lilliu cando faeddaiat de Costante Resistenziale Sarda. Beru, est ispantosu a pensare chi, mancari ant (amus) proadu in totus is maneras a betare a terra s'Istoria nostra, sa limba nostra, e totu su chi podet essere cunsideradu “identidade sarda”, semus galu inoghe a nde faeddare. Ma est ora de superare custa idea de resistèntzia. Est ora imbetze de binchere custa batalla. Ca custos òmines e feminas, chena bandera peruna, pedint sceti chi siat contivigiada s'Istoria e sa Cultura Sarda. E ddu bolent immoe, como. E no est prus a resistere, est a pretendere! A manera non violenta, in paghe, intre sardos chi s'iscoberint torra pòpulu, a inghìriu de unu fogu, a pratu torradu.


SENZA BANDIERE, UNICAMENTE SARDI
Quello che succede oggi a Monte 'e Prama oggi non è un avvenimento che si può lasciare passare così. E' un segnale importante per almeno un paio di questioni che adesso proviamo a spiegare.
Si sa che una rivoluzione senza popolo è una rivoluzione a metà. Il cambiamento richiesto e fomentato dall'alto poche volte ha prodotti risultati tangibili, almeno negli strati più bassi della comunità che spesso neanche si accorge dei cambiamenti. Siamo infatti pieni di libri, articoli di giornale e post dove ritroviamo consigli di quello o dell'altro esperto che ci dicono cosa dovrebbero fare i sardi per migliorare la loro vita e la loro terra.
I più attenti leggono, capiscono e si arrabbiano. Ma la maggioranza, presa com'è da mille problemi e altro per la testa, rimane indifferente. Poi ci sono i partiti politici, che hanno sempre la soluzione per tutto i quali hanno però perso l'autorevolezza necessaria per muovere le masse. In Sardegna abbiamo poi i partiti indipendentisti che forti (o deboli) di un carattere ideologico non riescono ad avvicinare una quantità più grande di elettori o simpatizzanti.
Questo per dire che cosa? Che in Sardegna è sempre mancato un movimento davvero popolare, forte, senza legami con partiti o altro che, partendo dal basso, possa spingere fuori la sensibilità popolare e farsi voce e megafono.
A Monte 'e Prama è successo che un paio di cittadini sardi, solo per amore della loro terra, si sono messi a fare guardiania ai Giganti e questa cosa, un giorno dopo l'altro, grazie alle informazione condivise da Nurnet, ha mostrato tutto il sentimento dei sardi di qualsiasi latitudine, classe, appartenenza o idea politica.
Pensateci, se guardate la nostra pagina Facebook, e i post di questi giorni, non vedrete nessuna bandiera, simboli o altro. Neanche quella di Nurnet. Solo uomini e donne vicino al fuoco, in pace e armonia, a difesa del posto, battezzato a simbolo della rinascita sarda.
E questo popolo lo troviamo nuovo, preparato, che si riscopre contento, con una grande passione, allegro ma determinato. E non vuole parlare di indipendenza politica (o non solo) ma di quella culturale, perché è da qui che bisogna iniziare il percorso.
Ritorna alla mente la riflessione di Giovanni Lilliu sulla Costante Resistenziale Sarda. Certo, stupisce pensare che, nonostante abbiano (abbiamo) fatto di tutto per buttare a terra e nascondere la Storia Sarda, la Lingua e tutto ciò che può essere considerato “identità sarda”, siamo ancora qui a parlarne. Ma è ora di superare questa idea di resistenza E' invece ora di vincere, questa battaglia. Perché queste donne e questi uomini, senza nessuna bandiera, chiedono solo che venga difesa e valorizzata la loro storia e cultura. E lo vogliono ora. E non si tratta di resistere, si tratta di pretendere! In maniera non violenta, tra sardi che si riscoprono popolo, attorno ad un fuoco, a pratu torradu.
* su pratu torradu è la condivisione del cibo, ma in senso lato è la condivisione di ciò che si ha.
 

 

 

 

 

Inserisci un commento su Facebook