down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




Evoluzione Nurnet, la storia sarda nelle scuole.

 di Antonello Gregorini

 

Qualsiasi progetto, organismo vivente, organizzazione sociale si dimostra vivo nella misura in cui sa evolversi, cogliendo dall'ambiente quegli stimoli che possono rafforzare entrambi: ambiente esterno e sé medesimo.
Nurnet in quest'anno trascorso ha maturato la convinzione che - per rafforzare il presidio sul paesaggio, la valorizzazione dei beni archeologici e la costruzione di una economia di contorno – sia necessario soffermarsi sul capitale umano, senza indulgere su dettagli secondari. L’educazione è il vero cuore della nostra visione.
Per fare Sardegna bisogna prima fare i SARDI, del presente ma soprattutto del futuro.
Abbiamo più volte argomento e dimostrato che, per una serie di ragioni qui non riassumibili, di cui spesso la maggior parte di noi non ha coscienza, AI BAMBINI SARDI NON VIENE INSEGNATA LA PROPRIA STORIA.
Questo è un assunto strategico su cui non pensiamo ci sia neanche la necessità di discutere anche perché la nostra attività e la nostra esperienza l'hanno abbondantemente dimostrato.
Un' associazione come la nostra è viva nella misura in cui compie AZIONI che abbiano un senso comune di rafforzamento della società. Di là dagli eventi, dai numeri del portale, del geoportale e delle pagine sui social network. Oltre i pranzi e momenti di incontro amichevole. Ciò che conta è il bilancio delle azioni che saremo riusciti concretamente a portare a compimento, a favore delle future generazioni.
Noi crediamo che l'azione che più potrebbe in futuro contraddistinguerci sia proprio questa:
PORTARE L'INSEGNAMENTO OBBLIGATORIO DELLA STORIA DELLA SARDEGNA, ALMENO NELLE SCUOLE DELLA SARDEGNA MEDESIMA.
LA STORIA, LA LINGUA, IL PAESAGGIO SONO BENI COMUNI CHE DEVONO ENTRARE NELLA NOSTRA CULTURA UFFICIALE.
Per questi motivi abbiamo avviato la stesura di una PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE che presenteremo nei prossimi giorni e sulla quale raccoglieremo le firme in giro per tutta l'Isola.
Non siamo e non saremo soli. Abbiamo già avuto delle adesioni. Nessuno deve e può stare fuori da questa azione. Tutti gli apporti individuali saranno graditi e utilizzati. Non avete che da affiancarci.
Il processo è avviato e la barca è in porto: salite anche voi.

 

 

Inserisci un commento nel sito



 

Inserisci un commento su Facebook