down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




La poesia al Nuraghe di Celestino Caddeo 1902

Nel 1902 Celestino Caddeo di Dualchi scrisse una bella poesia dedicata al Nuraghe.

Mi piace pensare che il nuraghe della poesia sia il nuraghe Ponte, dove si ammira una delle più belle e maestose architravi della nostra Isola dei nuraghi.

Ringrazio Martine Faedda per la traduzione in italiano che trovate di seguito al testo originale.

Quando il nuraghe diventa poesia
(nicola castangia)

 

 

>>>>>>>>>>>>>>>

Nuraghe so, sos seculos isfido,
Cantu durat su mundu hap'a durare,
Costantemente assalidu mi bido
Da tempestas orrendas in sonare.

Ma mai m'hana potidu atterrare:
Osserva cantu in sos poderes fido.
Su tempus sigat puru a tempestare,
Tantu deo in contrariu decido.

Sighint eras e generaziones
A tramuntare, e deo in cust'istadu
Semper contando sas istasiones.

B'hat resone si deo paro fronte,
Ca sos mastros chi m'hana fabbricadu
Fint Piracmone, Isterope cun Bronte.

(Celestino Caddeo - Dualchi aprile 1902)
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Sono Nuraghe, sfido i secoli, 
Quanto dura il mondo resisterò, 
Mi vedo costantemente assalito 
Da tempeste dal fragore terrificante
.
Ma non mi hanno mai potuto distruggere: 
Guarda quanto confido nei poteri. 
Continui pure a tempestare il tempo, 
Tanto decido io al contrario.

Le ere e le generazioni continuano 
A tramontare, e io in questo stato 
Contando sempre le stagioni

C'è una ragione se io resisto 
Perchè i maestri che mi fabbricarono 
Furono Piracmone, Isterope con Bronte

(trad. Martine Faedda) 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>