down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




NURNET chiude per solidarietŕ alle amministratrici di Oniferi

"NURNET CHIUDE PER SOLIDARIETA' VERSO LE GIOVANI AMMINISTRATRICI DI ONIFERI E IN ATTESA DI UN SEGNALE DEI SARDI ONESTI"

"NURNET SERRADA PRO CUNFORTU E IN ABETTU DE UNU SINNU DE IS SARDOS A IS GIOVANOS AMMINISTRADORES DE ONIERI"

 

Da qualche mese, come noto, Nurnet e le persone a essa riferibili sono oggetto di una campagna diffamatoria che è andata ben oltre i limiti del consentito.
Sono state prese di mira le persone ma anche i familiari. In procura e alla polizia postale sono state depositate più di dieci querele contro gli stessi scritti e gli stessi ignoti.
Capita che adesso, purtroppo, siano oggetto di ingiurie sessiste, menzogne, diffamazione, e attacchi squadristi , un po' mafiosi, anche due amministratrici pubbliche, il sindaco e l'assessore alla cultura del Comune di Oniferi, che hanno avuto l'unico torto di aver scelto di collaborare con Nurnet.
Oniferi non è Cagliari ma neanche Arborea o Santa Teresa di Gallura. E' uno di quei paesi dove le persone che scelgono di dedicarsi all'impegno pubblico sono frequentemente oggetto di attentati intimidatori. L'esposizione che gli anonimi delinquenti procurano, le ingiurie che pubblicano, non aiutano a mantenere un buon clima sociale e potrebbero contribuire a indebolire la posizione di queste donne "balenti" e in prima linea.
Noi non possiamo accettare quel che sta avvenendo e abbiamo deciso di chiudere la redazione di Nurnet in segno di solidarietà verso Stefania Piras e Daniela Daga.
Non una parola di conforto e di indignazione si è levata a tutela delle persone attaccate e ciò che più sorprende sta nel fatto che gli scritti provengono da persone, già segnalate, appartenenti anche al mondo dell'archeologia isolana. Nessuno si vergogna?! ...
Rimettiamo questa denuncia nelle mani dei Media e dell'opinione pubblica e chiediamo che lo Stato e le autorità competenti dell'ordine pubblico facciano il possibile per mettere fine a questo sconcio.

Antonello Gregorini

----------

Cunfortu a is amministradores de Onieri.
Dae carchi mese, giai ischides, Nurnet e is persones chi nde faghent parte ddas sunt leende a ofesas e custu at superadu finas tropu sa làcana de sa mesura. Fintzas is familiares ant chircadu.
In sa Procura e in sa Politzia Postale amus presentadu prus de deghes cuerelas contra custas disfamadas e contra custos disconnotos covardos matessi.
Acadesset chi immoe, a dolu mannu, duas amministradores, su sindicu e s'assessore a sa Cultura de sa Comuna de Onieri dd'ant ofesos cun ingiurias sessistas, faulas, tragàgios e atacos iscuadristas, mafiosos finas. E sa neghe de custos, s'ùnica, est cussa de àere seberadu de collaborare cun Nurnet. Onieri no est Casteddu e nemmancu Arborea o Lungoni. Est una de cussas biddas in ue is òmines e feminas, chi si ponent a amministrare su logu, retzint a ispissu minetzas e finas atentados.
Sa visibilidade chi is anònimos procurant, is ofesas chi pùblicant, no agiuant a mantennere unu bonu sentidu sotziale e debìlitant su traballu de “prima linea” de custas feminas amministradoras.
Custa cosa non si podet atzetare e pro custu amus detzisu de serrare sa redatzione de Nurnet pro dare cunfortu a Istevania Piras e Daniela Daga. Dae àteros peruna paràula de acunnortu e su chi ispantat est chi custos iscritos meschinos benint dae persones giai sinnaladas connotas in su mundu de s'archeologia isulana. Nemos si nde birgòngiat? Custa denùntzia dda lassamus a is medias e sa publica opinione e pedimus chi s'Istadu e chie tenet podere supra s'ordine pùblicu traballent pro nde faghere agabbare custa ciantara.