down-arrow   I Monumenti adottati  



NEWSLETTER
Tieniti aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

> Leggi informativa sulla privacy




Identitŕ sarda 3

Un'identità di alta qualità, proiettata verso il mondo e non chiusa nel quartierino degli stereotipi sardi e sardonici. Altrimenti è meglio lasciar perdere ,

*******

 

Per poterlo affermare dobbiamo verificare se:

  • Ci identifichiamo come sardi, ci specchiamo nelle figure del paesaggio, delle tradizioni, nella musica e nella parlata.
  • Consideriamo la nostra storia nostra e di nessun'altro.
  • Imitiamo i modelli comportamentali che contraddistinguono un'identità sarda.

Alessia Bolliri Mereu  L'identita' Sarda c'e' in ognuno di noi, e' solo sopita, addormentata ,stordita ....Bisogna cercarla, risvegliarla, stimolarla, incuriosirla ... Dobbiamo solo soffermarci a pensare,a cercare,a guardare ogni piccola cosa con occhi nuovi ... Dobbiamo ... iniziare a dare valore alle nostre cose dimenticate , perche' quelle degli altri erano piu' importanti ....E' come se le nostre preziosita'  fossero state lanciate dentro a un pozzo profondo ,ecco ... Noi dobbiamo solo ripescarle in fondo al nostro cuore ...

Antonio Atzeni  dice

non esiste identità senza conoscenza delle proprie radici, e da qui bisogna ripartire, per riprendere quel cammino che ad un certo punto abbiamo smarrito ... Spetta a tutta la società civile sarda produrre quel seme che sia in grado di far rifiorire quel racconto che troppe volte e' stato interrotto ...

Carlo Lai dice

Non conosciamo la nostra storia, dobbiamo diffondere cultura e senso civico, creare una identità di alta qualità

^

Trentacinque anni fa, ad Amsterdam, in piazza Dam, un carretto che vendeva gelati era addobbato, di lato, con le immagini delle dune di Piscinas, lo scoglio di Capo Pecora e Giggirriva. Promuoveva la Sardegna a modo suo.

Forse è questa l'identità sarda: amore irrinunciabile per la terra delle origini e orgoglio del sé. Quanti di noi sono orgogliosi dell'appartenenza a questa terra e a questa comunità? Quanti, quando fuori, se ne vergognano?

Qualcuno però tende a nutrire un rifiuto per i gruppi che considera per niente affini oppure vanta qualità ereditarie spesso inesistenti.

Ma la nostra è identità nazionale o mera necessità di posizionamento sociale? Abbiamo bisogno di una identità distinta da quella italiana? Quanti sono disposti al sacrificio per il miglioramento dell'identità sarda? Non corriamo il rischio di museificare l'identità?

Solo il dinamismo e la rielaborazione attraverso il confronto salvano l'identità. Il miglioramento personale in funzione comunitaria.

Un'identità di alta qualità, proiettata verso il mondo e non chiusa nel quartierino degli stereotipi sardi e sardonici. Altrimenti è meglio lasciar perdere ,

a.g.

 

 

 

Inserisci un commento su Facebook